UFOWEB2012

UFOWEB2012
» Home
» Forum
» Blog
» Video
» Immagini
» Contact
CONTENUTI
LINKS
» Banners/Affiliazioni
» Siti Amici


















   
News
Cerca





    

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

 




Segnala ad un Amico!
Tuo Nome

Tua Email

Nome Amico

Email Amico


Leggi e/o Firma il nostro Guestbook!

Partecipa al nostro Forum


 











 






 










Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

Tool per traduzioni di pagine web
  
  




           
PER TRADURRE GLI
ARTICOLI IN SPAGNO-
LO SELEZIONA ITALIAN
NEL RIQUADRO SOTTO.
 






 



 










Large Visitor Globe









TRADUCI GLI   ARTICOLI IN
SPAGNOLO NEL RIQUADRO
SOPRA IMPOSTANDO SU
ITALIAN. VALE PER ALTRE LINGUE.

AVVISO AGLI UTENTI:
SITO INTERNAZIONALE
MULTILINGUE. ARTICOLI
E NOTIZIE SONO  NELLE
LINGUE ORIGINALI STRA-
NIERE. PER MOTIVI DI TEM-   PO E LOGISTICI, NON
SI FANNO TRADUZIONI
SE NON IN CASI PARTICO-
LARI.. USARE I TRADUTT O-
RI  NEL SITO E PIENAMEN-
TE ACCESSIBILI.
 
By intopic.it

NEWS UFO E ARGOMENTI
AFFINI.. CLICCA SUL LINK
SOPRA PER ACCEDERE.









AREA BANNER
BENVENUTO SU UFOWEB2012
Questo è il sito del Circolo ## specializzato in UFO..... In questo sito troverai informazioni, news, immagini e video sugli UFO.


ANNICIO SHOCK DELLA NASA...
28 Jul 2014 09:29 am

L’annuncio shock della NASA: “Terra sfiorata da una tempesta solare che ci avrebbe rispedito nell’800″



 tempesta-solareLa terra e’ stata sfiorata da una tempesta solare che avrebbe potuto rispedirci nel XVIII secolo. La notizia viene fuori solo adesso, ma il fatto risale al 23 luglio di due anni fa, quando il sole ha generato due enormi nubi di plasma che avrebbero potuto avere un impatto catastrofico con la nostra atmosfera. Per fortuna in quel momento la Terra non si trovava nella direzione del materiale espulso dal Sole. Il fenomeno, noto come ‘espulsione di massa coronale’, e’ stato il piu’ potente almeno degli ultimi 150 anni. Lo scrive il sito della NASA nelle sue pagine dedicate alla scienza. “Se in nostro pianeta fosse stato colpito- avverte il fisico Daniel Baker dell’Universita’ del Colorado- staremmo ancora cercando di rimediare ai danni. Si sarebbero potuti interrompere tutti i circuiti elettrici facendo tornare la civilta’ contemporanea al 18esimo secolo”. Le tempeste solari estreme rappresentano infatti una minaccia per l’alta tecnologia: possono provocare blackout radio e gli errori di navigazione gps. Elettroni e protoni accelerati dall’esplosione, inoltre, sono letali per l’elettronica dei satelliti. Una espulsione di massa coronale come quella del luglio 2012 poteva causare ovunque interruzioni di corrente, disabilitando tutto cio’ che si inserisce in una presa a muro. Secondo uno studio della National Academy of Sciences, l’impatto economico di una tempesta solare potente potrebbe superare i 2.000 miliardi dollari, una cifra 20 volte superiore ai danni provocati dall’uragano Katrina.


fonti internet. coresia meteoweb.eu

 



Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

LA MISURA PRECISA DI UN PIANETA ALIENO!
28 Jul 2014 09:26 am

Astrofisica: ottenuta la misura più precisa di un mondo alieno



PianetaSi chiama Kepler-93b, ha un diametro di 18.800 chilometri e orbita attorno a una stella a circa 300 anni luce da noi: e’ il pianeta extrasolare che conosciamo con maggior precisione. La misura del suo diametro, realizzata da ricercatori dell’Universita’ di Washington a Seattle e pubblicata su Astrophysical Journal, e’ la piu’ precisa di sempre. Averla ottenuta e’ un successo che avvicina sempre piu’ la scoperta di eventuali pianeti abitati, un obiettivo che secondo molti ricercatori e’ possibile raggiungere entro pochi anni. “Una misura cosi’ precisa – ha spiegato Sarah Ballard, responsabile dello studio – che e’ come essere capaci di misurare l’altezza di una persona che si trova su Giove sbagliando di appena 2 centimetri”. Il successo e’ stato possibile confrontando le immagini ottenute da due telescopi spaziali, Spitzer e Kepler, e usando anche dati raccolti da strumenti di terra. Kepler-93b e’ un pianeta roccioso simile al nostro pianeta ma piu’ grande e con una superficie ‘infuocata’ a 760 gradi. Si tratta quindi di un pianeta che non potrebbe ospitare la vita ma il successo di questa misura e’ una dimostrazioni dei grandi passi in avanti fatti per lo studio dei pianeti extrasolari e che rendono sempre piu’ vicina la scoperta di vita aliena.


fonti  internet, cortesi meteoweb.eu




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

UN SISTEMA MIGLIORE DI INTERNET!
24 Jul 2014 01:01 pm
Un sistema migliore di internet!

Esiste un sistema informativo migliore di
Internet e che non e' stato ancora attuato:
si tratta del sistema informativo Stellar:



Il Sistema Stellar

L'evoluzione dei sistemi di telematica e di trasmissione è oggi assai superiore alla capacità di utilizzo di questi sistemi.
Si può affermare che oggi l'hardware è più potente del software.
Lo scibile umano ha accumulato sulla Terra e fuori di essa una massa di informazioni che, se convenientemente portate alla conoscenza di tutti, potrebbe veramente modificare la stessa immagine che l'essere umano, e segnatamente l'individuo in quanto tale, ha di se stesso.
E' possibile selezionare ed immagazzinare queste informazioni in una colossale memoria e metterle a disposizione di chi le chiede alla velocità della luce.
Stellar è il primo sistema informativo su richiesta individuale via etere.
Con Stellar, tramite un semplice terminale collegato ad un satellite geostazionario, chiunque può chiedere qualunque tipo di informazione ed ottenerla immediatamente.
Stellar è costituito da un complesso di apparecchiature meccaniche, elettroniche e spaziali e da un software in grado di utilizzarle mediante equipe di uomini e donne in ogni parte della Terra e fuori di essa.

L'apparato tecnico è composto da:

AKASHA - Memoria centrale
MAYAN - Satellite madre
DEYAN - Satellite gemellato
ASHAT - Unità periferica
YANT - Unità di collegamento utente



Akasha - Memoria centrale

Akasha è una memoria centrale installata sotto il suolo di un Paese che garantisce l'autonomia e l'indipendenza del sistema da qualsiasi tentativo teso a condizionare il funzionamento del sistema stesso e le informazioni raccolte e divulgate.

Akasha ha le seguenti caratteristiche:

- è collegato ininterrottamente via etere al satellite Mayan con un sistema di ricetrasmissione in codice;
- è dotato di una memoria nella quale vengono immagazzinate ed organizzate le informazioni (dati ed immagini);
- è assistito da sistemi di autodifesa che ne garantiscono la completa inviolabilità.



Mayan - Satellite madre

Mayan è un satellite geostazionario collegato ad Akasha, l'unità centrale del sistema, nonché a cinque Deyan, satelliti gemellati e, tramite questi ultimi, a tutti gli altri satelliti gemellati.
Mayan è dotato di sistemi di autodifesa, di apparecchi telescopici e di microfoni amplificati in grado di ricevere e trasmettere via etere.



Deyan - Satelliti gemellati

Oltre al satellite madre il sistema Stellar è costituito da 23 satelliti geostazionari, tra di essi intercomunicanti, denominati Deyan.
I satelliti gemellati sono direttamente accessibili da utente e comunicano con il satellite madre direttamente o tramite ponte con gli altri satelliti gemellati.
Anche i Deyan sono dotati di sistemi di autodifesa, di apparati telescopici e di microfoni amplificati in grado di ricevere e trasmettere da terra e dallo spazio.



Ashat - Unità periferiche

Le Ashat sono unità di ricetrasmissione a terra che aggiornano continuamente l'unità centrale tramite collegamento via satellite.
Sono previste 98 unità periferiche collocate in altrettanti diversi Stati della Terra.



Yant - Terminali utenti

Gli utenti sono dotati di apparati che, mediante i satelliti geostazionari, comunicano con l'unità centrale: sono gli Yant.
L'apparecchiatura è costituita da microprocessore, monitor, tastiera e microfono, traduttore acustico e visivo ed altri accessori mediante i quali chiedere e ricevere le informazioni.
E' altrsì possibile, ed anzi auspicabile, trasmettere informazioni via Yant: l'utente abilitato potrà così concorrere all'aggiornamento ed all'accrescimento della memoria centrale.
Sono disponibili diversi tipi di terminali utenti, a seconda dell'utilizzatore: dalla piccola unità personale a quella per le aziende e gli stati.



Il funzionamento

Le unità periferiche Ashat trasmettono le informazioni all'unità centrale Akasha via satellite Mayan e Deyan.
L'unità centrale Akasha elabora le procedure d'immissione ed acquisisce le informazioni sia per inserimento diretto che per ricezione dalle unità periferiche Ashat via satellite.
Akasha seleziona le informazioni e le rende disponibili agli utenti, nella lingua con la quale viene richiesta l'informazione stessa.
Gli utenti, con i terminali Yant, si collegano via satellite all'unità centrale Akasha per chiedere, ottenere e fornire informazioni.

fonti internet,cortesia speciale wgov.org





Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

LUNA, 21 LUGLIO 1969...
21 Jul 2014 10:46 am

Luna, 21 Luglio 1969: “un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità”

l E’ il 20 luglio del 1969, 45 anni fa Neil Armstrong scende la scaletta del modulo spaziale e lascia la sua impronta sul nostro satellite. L’emozione attraversa ogni angolo della Terra. L’Apollo 11 porta a termine la sua straodinaria missione, il traguardo è raggiunto. E ancora oggi quel giorno d’estate è ricordato e celebrato in tutto il mondo. Sono le 4,56 minuti e 15 secondi del 21 luglio 1969 in Italia, le 22,56 minuti e 15 secondi (east time) del 20 luglio negli Stati Uniti, quando il comandante della missione Apollo 11 imprime la sua orma sul nostro satellite. “Ora scendo. Sarà un piccolo passo per un uomo, ma un gigantesco passo per l’umanità” dice Neil Armstrong titubante sull’ultimo gradino della scaletta del Lem ‘Aquila’. Poi, finalmente, allunga la gamba e poggia il suo piede sinistro sulla gessosa superficie della Luna. Un passo, solo un passo. Ma che segna lo sbarco del primo uomo al mondo su un corpo extraterrestre. Con Armstrong, poco dopo, scende sulla Luna anche il suo compagno di ‘viaggio’ Edwin Aldrin, detto ‘Buzz’, mentre in orbita intorno alla Luna, a bordo della capsula madre ‘Columbia’, resta ad aspettarli il terzo astronauta della Missione Apollo 11, Michael Collins, Mike per gli amici. collinsParadossalmente è l’unico così vicino, ma anche l’unico che non può vedere in diretta l’evento. Sulla Terra milioni e milioni di persone sono incollati ai monitor delle Tv, nessuno vuole perdere l’appuntamento con il progresso. Da allora a oggi sono passati 45 anni, ma l’impronta impressa da Armstrong è ancora indelebile nella storia dell’umanità. Il viaggio verso la Luna è cominciato quattro giorni prima, il 16 luglio 1969, dalla base di lancio di Cape Canaveral, in Florida, quando il razzo Saturno V, alto 110 metri e pesante oltre 2.000 tonnellate, lascia la rampa 39A del Kennedy Space Center. E inizia la straordinaria avventura. Dopo Armstrong, dal Lem ‘Aquila’ anche Aldrin scende sulla Luna. Si guarda intorno e con la base Nasa commenta: “E’ una magnifica desolazione”. Ora i due astronauti devono raccogliere campioni di roccia e scattare foto del nostro satellite. Per circa 2 ore e 30 non fanno altro. A Terra riportano più di 21 chili di pietre lunari. Raccontano che muoversi sulla Luna è più facile di quanto avevano immaginato. Sulla Luna lasciano una targa: “Qui, uomini dal pianeta Terra posero piede sulla Luna per la prima volta, luglio 1969 d.C. Siamo venuti in pace, a nome di tutta l’umanità”. Per il resto dei loro giorni i tre astronauti americani sono degli eroi, non solo negli Stati Uniti e non solo per le insegne della Nasa. Il 26 agosto 2012 Neil Armstrong muore a 82 anni, a piangerlo, a ricordarlo è ogni media e ogni cittadino di ogni Paese.

neil_armstrongNEIL ARMSTRONG – Armstrong, comandante della missione Apollo 11, apre di fatto una nuova pagina della storia. Quel giorno il mondo intero e’ col fiato sospeso. Il modulo lunare ‘Eagle’ con a bordo il comandante Neil Armstrong e il pilota Edwin Aldrin si separa dal ‘Columbia’ dove resta il pilota Michael Collins, per scendere sulla superficie del nostro satellite. Una missione fino a poco tempo prima da pura fantascienza. Sono le 20:17:40 Utc, il comandante Armstrong prende il controllo manuale del modulo e lo adagia sulla superficie della Luna. L’approdo, mai sperato fino a quel momento, e’ nella parte meridionale del Mare della Tranquillita’, circa 20 km a sud-ovest del cratere Sabine D. E’ un approdo scelto dalla Nasa perche’ ritenuto abbastanza piano e liscio in base ai rilevamenti realizzati dai lander Ranger 8 e Surveyor 5, cosi’ come dalle mappe tracciate dal Lunar Orbiter. Alle 2:56 Utc, mentre in Italia gli orologi segnano le 4,56 minuti e 15 secondi del 21 luglio 1969, sei ore e mezza dopo aver toccato il suolo con la sonda, Neil Armstrong e’ sull’ultimo gradino della scaletta del Lem ‘Eagle’. Allunga la gamba. Esita un attimo. “Ora scendo” assicura pero’ l’astronauta al centro a terra di Houston. Poi dice la frase che segna la storia del XXesimo Secolo: “Sara’ un piccolo passo per l’uomo ma un gigantesco passo per l’umanita’”. E finalmente poggia il suo piede sinistro sulla polverosa, superficie della Luna. E’ il primo uomo a sbarcare su un corpo celeste fuori dalla Terra. Poco dopo scende anche l’astronauta Aldrin. La prima permanenza sulla Luna dura due ore, quindici minuti e dodici secondi. Venuto a mancare all’età di 82 anni, Armstrong è ricordato nella storia come il primo uomo a mettere piede sulla superficie della Luna, in qualità di comandante della missione Apollo 11. Aviatore della marina militare statunitense, pilota collaudatore e astronauta, Neil cominciò nello stato natale dell’Ohio, dove ha prestato servizio presso la NACA Lewis Research Center, divenuto poi Glenn Research Center della NASA, a Cleveland. Ha prestato servizio come pilota di ricerca, ingegnere e astronauta per la NASA, collaudando oltre 200 modelli tra aerei, razzi, elicotteri e alianti. Partecipò inoltre alla missione Gemini 8 del 1966, prima di prendere parte a quella che sarebbe stata la sua missione più importante. Dopo quel magico 21 Luglio 1969, l’astronauta ha prestato servizio come amministratore associato della NASA, prima di ritirarsi dall’agenzia spaziale. Tra il 1971 e il 1979, tra le altre cose, ha insegnato come professore universitario presso l’Università di Cincinnati, oltre ad essere stato nominato presidente della società Computing Technologies for Aviation, Inc., a Charlottesville, in Virginia. Neil era un grande sostenitore dei voli spaziali suborbitali commerciali, ma era scettico riguardo al piano della NASA di fare affidamento su nuove astronavi private. Armstrong ha lasciato la moglie Carol e due figli il 25 Agosto 2012.

  corrluna



Fonti internet,cortesi meteoweb.eu

 



Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

PRESENCE 2
20 Jul 2014 05:54 pm

PRESENCE 2 « Le langage et le mystère de la planète UMMO révélés » PRESENZA 2 "Lingua e il mistero del UMMO pianeta rivelato"

 

 

Ce livre est le second ouvrage de la série “Présence”. Questo libro è il secondo libro della "Presenza" della serie.
C'est à la fois un document d'ethnologie unique et Questo è sia un documento unico ed etnologia
une recherche linguistique approfondie. vasta ricerca linguistica.
Cet ouvrage nous fait réellement changer de paradigme. Questo libro ci veramente un cambiamento di paradigma fa.
Il présente un travail inédit aux résultats époustouflants ! Presenta un'opera originale per risultati sorprendenti!

- Découvrez le monde fascinant d'UMMO - Scopri l'affascinante mondo di UMMO
- Les mystères du dossier Ummo révélés - Misteri del file rivelato Ummo
- Apprenez un langage extra-terrestre - Imparare una lingua aliena
- La plus grande révolution de l'humanité terrestre - La più grande rivoluzione dell'umanità della Terra

 Unico al mondo: imparare una lingua aliena! 
 
Per continuare a comunicare sull'esistenza e la cultura degli Exocivilisations, abbiamo deciso di offrire a tutti la possibilità di apprendere un linguaggio extraterrestre, quello del popolo del pianeta UMMO. Per continuare ha comunicare l'esistenza e la cultura della Exocivilisations, abbiamo deciso di offrire  a tutti la possibilità di imparare una lingua aliena, della gentr del pianetaUMMO  -
Sulla base del libro di riferimento Presenza 2 "Il linguaggio ed il mistero del pianeta UMMO rivelati" abbiamo sviluppato una sessione di formazione in previsione di una giornata per insegnarvi: Sulla basa di riferimento libro PRESENZA 2 "Lingua e il mistero del pianeta UMMO rivelato" abbiamo sviluppato una sessione di formazione di una giorno per insegnare: 
 
    * le elementi chiave della cultura e della filosofia del popolo di UMMO Gli elementi chiave della cultura e della filosofia del popolo UMMO 
    * le basi semantiche del loro linguaggio base semantica della loro lingua 
    * la pronuncia e la formazione delle 'parole' pronuncia e la formazione di 'parola' 
    * a contare con le cifre del popolo di UMMO, e  lo stesso fare dei calcoli semplici!  , ed anche fare aritmetica semplice!  
 
Per più di notizie sulle sessioni di formazione in previsione di una giornata contattate. Per ulteriori informazioni sulle sessioni di allenamento  e un contatto 
faccia a faccia con Denocla.
 
fonti internet,cortesia speciale denocla.com




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

MANIFESTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE CIVILTA' ALIENE!
20 Jul 2014 05:26 pm

MANIFESTO per il riconoscimento di EXO-CIVILTA '

- la reconnaissance des Exo-Civilisations dans la Constitution - Riconoscimento di Exo-civiltà nella Costituzione
- le refus de la xénophobie anti-Exo-Civilisations - Il rifiuto della xenofobia anti-Exo-Civilizations
- le refus de la militarisation, des armements et de la guerre contre les Exo-Civilisations - Rifiuto della militarizzazione, armi e guerra contro i Exo-Civilizations
- exiger que les dirigeants politiques rendent des comptes sur la censure des Exo-Civilisations - Richiedere leader politici responsabili pe.r la censura Exo-Civilizations

DR Denocla. DR Denocla. 

FRADUZIONE

MANIFESTO per egli riconoscimento di EXO-CIVILTA ' - CIVILTA' ALIENE.
 
- la riconoscenza delle Exo-civiltà nella Costituzione - Riconoscimento di Exo-civiltà nella Costituzione 
- il rifiuto delle xenofobia anti-Exo-civiltà - E  rifiuto della xenofobia anti-Exo-Civilizations 
- il rifiuto della militarizzazione, degli armamenti e della guerra contro le Exo-civiltà - Rifiuto della militarizzazione, armi e guerra contro gli Exo-Civilizations 
- esigere che i dirigenti politici rendono conto sulla censura delle Exo-civiltà - Richiedere leader politici responsabili contro la censura  delle Exo-Civilizations 
 
DR Denocla. DR Denocla. 
 

fonti internet, cortesia speciale denocla.com




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

UFO NELLE PITTURE RUPESTRI...
18 Jul 2014 09:42 am

 

Ufo e alieni nelle pitture rupestri dell’India risalenti a 10.000 anni fa?


image-1
I quadri che ricordano nell’immaginario collettivo i “dischi volanti” suscitano da sempre forte curiosità. Avevamo parlato un mese fa di un dipinto murale del XIV secolo in Romania, che poteva raffigurare un Ufo. Il Times Of India pubblica un’interessante notizia dello stesso genere. Il Dipartimento di Stato Indiano che si occupa di archeologia e cultura del paese, sta pensando di chiedere aiuto a Nasa e ISRO (l’Agenzia Spaziale indiana) per indagare su alcune pitture rupestri risalenti a circa 10.000 anni fa, che potrebbero raffigurare alieni e Ufo. I disegni si trovano a Charama nel distretto Kanker una zona tribale di Bastar, a circa 130 km da Raipur, nelle grotte tra i villaggi lam e Gotitola. Secondo l’archeologo JR Bhagat, questi quadri raffigurano figure umanoidi come quelle mostrate nelle pellicole di Hollywood e Bollywood.

“I risultati suggeriscono che gli esseri umani in tempi preistorici potrebbero aver visto o immaginato esseri provenienti da altri pianeti, che ancora creano curiosità tra le persone ed i ricercatori. Necessitiamo di una ricerca estesa per ulteriori accertamenti. Chhattisgarh attualmente non dispone di tale esperto che potrebbe fare chiarezza sull’argomento”, ha detto il Prof. Bhagat.
A seguire tutte le immagini.

Ci sono diverse credenze tra la gente del posto, che abita da sempre in questi villaggi. Mentre pochi fanno caso ai dipinti, altri raccontano storie che hanno sentito dai loro antenati. Narrano di esseri di piccole dimensioni, che hanno usato dei velivoli dalla forma arrotondata per arrivare dal cielo. Storie “sgualcite” dal tempo, che si tramandano di generazione in generazione.
Baghat non pensa necessariamente che le raffigurazioni siano riferite ad esperienze reali, ma non lo esclude.

“I dipinti sono creati in colori naturali che sono appena sbiaditi nonostante gli anni. Le figure scolpite stranamente sono in possesso di oggetti simili ad armi, e non hanno caratteristiche chiare. Specialmente il naso e la bocca mancano del tutto. In alcune immagini, sembrano indossare tute spaziali. Non possiamo confutare la possibilità che siano frutto della fantasia degli uomini preistorici, gli esseri umani da sempre sono capaci di essere molto stravaganti su queste cose “, ha detto l’archeologo.
image

image-2

Alcune delle raffigurazioni misteriose rinvenute in India. Foto di Amit Bhardwaj

Il ricercatore ha aggiunto che potrebbe trattarsi di una coincidenza che tali immagini antiche ricordino l’iconografia classica degli ufo mostrati nei film. Tuttavia spera che altri archeologi possano essere consultati per ulteriori verifiche, in modo da riuscire a dare una spiegazione alle misteriose raffigurazioni.

Tratto da: Pianetablunews






Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

ANNUNCIO DELLA NASA...
16 Jul 2014 08:30 pm

Annuncio shock della NASA: “tra 20 anni scopriremo la vita aliena” fuori dal nostro Sistema Solare

martedì 15 luglio 2014, 13:57 di
alienoCentinaia di migliaia di mondi ed altrettante possibilità di individuare la vita sul altri pianeti: questa la visione, o previsione della NASA. L’agenzia sostiene che nei prossimi 20 anni vi sarà un’alta probabilità di trovare la vita nell’universo, e ciò al di fuori del nostro Sistema Solare.

Queste affermazioni sono state rese ieri a Washington, durante una conferenza relativa all’utilizzo di telescopi: “Crediamo che ci sia la vita oltre la Terra?” ha dichiarato l’ex-astronauta ed amministratore NASA Charles Bolden. “Oserei dire che la maggior parte dei miei colleghi qui oggi direbbero che è improbabile nella vastità illimitata dell’universo noi esseri umani siamo soli.”

Charles BoldenAd esempio l’astronomo Kevin Hand ha recentemente suggerito che la vita aliena potrebbe esistere su Europa, una delle lune di Giove. “Un giorno, nel futuro prossimo, le persone potranno puntare il dito verso una stella e dire ‘quella stella ha una pianeta come la Terra’,” ha dichiarato Sara Seager, docente di scienze planetarie e fisica al Massachusetts Institute of Technology.

La NASA spera di poter lanciare nello spazio già nel 2017  il Transiting Exoplanet Surveying Satellite (TESS), il James Webb Space Telescope nel 2018 ed il Wide Field Infrared Survey Telescope – Astrophysics Focused Telescope Assets entro il prossimo decennio.

fonti internet, cortesia meteoweb.eu

Nota: questi annunci della Nasa, sono la classica cartina di tornasole o spechietto per le allodole. In realta', la Nasa sa benissimo delle presenze aliene e degli UFO sulla Terra e la' fuori nello spazio! E lo sa' gia' da molti decenni! Ma di boccaloni che credono nella Nasa ve ne' sono in giro tanti! Ufoweb2012


 




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

GLI ALIENI GRIGI VENUTI POI!
14 Jul 2014 01:49 pm
GLI ALIENI GRIGI VENUTI POI!

Se andiano ad esaminare tutti i casi  di
incontri ravvicinati del 3° tipo presenti
nella casistica degli anni '50, '60, '70 e
anche oltre, vediamo chiaramente che
questi pseudo -alieni grigi non sono presenti
affatto. E se andiamo anche a vedere tutti
i casi raccolti dal project blue book dell'USAF, 
questi esseri non ci sono per niente.
Potete vederlo voi stessi andando a vedere
tutta la serie televisiva di Project UFO, che
era basata sui casi ufo raccolti dal blue book;
e anche qui' questi grigi non ci sono.
Questi esseri grigi sono venuti poi a partire
dalla fine degli anni '80 e inizi degli anni
'90.  Negli anni '50, '60, si manifestavano
ben altri esseri dalle caratteristiche piu'
disparate, ma non questi grigi!
Ci sarebbe  allora da chiedersi dove sono andati
a finire tutti gli esseri che si manifestavamo allora?!
O se ne' sono andati tutti quanti e soppiantati
da questi pseudo- alieni grigi, oppure e'
successo qualcosa la' fuori che li ha indotti a
 non manifestarsi  piu' sulla Terra?!
Fatto sta', che questi alieni grigi e venduti,stanno
ormai generalizzando tutta la situazione ufologica
e questo non va bene  per niente! Tutte le
altre  presenze devono essere considerate
e non solo questi grigi cha vanno tanto di
modo e anche su questo non va bene
manco per niente!!!
Ufoweb2012

--------------------------------------------
 




 
Ezechiele vide la ruota,
questa è la ruota che Ezechiele disse di aver visto.
Questi sono oggetti volanti non identificati che
gente di oggi asserisce di aver visto.
Sono la prova di un'esistenza di una forma
progredita di vita e cultura su altri corpi celesti?
Oppure che altro sono?
L'Aeronautica militare degli Stati Uniti si è assunto
il compito di investigare su questa misteriosa materia
per giungere alla verità.
Ciò che state per vedere sono estratti d'archivio
del Progetto Blue Book, documenti di una
ricerca ormai ventennale.
Queste parole, pronunciate dal veterano della radio e della televisione Jack Webb,
aprivano gli episodi di "Project U.F.O."
La serie ha funzionato per sole due stagioni e fu trasmessa dalla NBC. Gli episodi erano in totale 26 da 47 min. cad.
I primi episodi acquisirono molti consensi fino a giungere livelli di approvazione mai
sperati. Purtroppo, però, ciò non durò a lungo.
La serie era basata da un programma dell' Aeronautica Militare Americana, conosciuto
come il "Progetto Blue Book".

L'obiettivo era di determinare al di là di ogni ragionevole dubbio, l'esistenza oggettiva
degli UFO e se questi fossero una minaccia per la sicurezza nazionale.
Prodotto dalla compagnia di produzione di Jack Webb (la MARK VII LIMITED), la serie fu realizzata nel tipico stile di Webb, come le serie precedenti da lui prodotte "Dragnet", "Adam 12" ed "Emergency".
I due investigatori dell' U.S.A.F., erano interpretati da William Jordan (nel ruolo
del Maggiore Jake Gatlin) e da Caskey Swaim (nel ruolo del Sergente

fonti internet, cortesia tiscali.net






Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

PALLA DI FUOCO...
12 Jul 2014 10:24 am

Spettacolare palla di fuoco solca i cieli del Sud nella notte: ecco cos’era


Pochi minuti fa, alle 23:20, una luminosa palla di fuoco è stata avvistata nei cieli del Sud Italia. Le prime segnalazioni provenienti dalla Calabria centrale, riferiscono di un bolide di colorazione verdastra e di magnitudine molto brillante, ben visibile in cielo in direzione sud – sud/est nonostante la luna piena e le molte nubi che al sud stanno oscurando grandi porzioni di cielo. Dopo quanto accaduto in Russia, dove il 15 febbraio 2013 all’alba un vero e proprio asteroide di 17 metri ha causato gravi danni e 1500 feriti, questo termine ci è molto più comune. Un bolide, definito scientificamente meteoroide o meteora, è un frammento di roccia delle dimensioni di un piccolo sasso, che entra nella nostra atmosfera a velocità molto elevata, che in talune circostanze può arrivare a superare i 260.000 Km/h. La visione di questi corpi è caratterizzata da una palla di fuoco che cade velocemente dal cielo, lasciando dietro di sè una scia di luce della durata di qualche secondo, e che solo in rarissimi casi assume una pericolosità simile a quanto avvenuto sulla regione di Chelyabinsk. Possono assumere varie colorazioni: dal bianco al rosso, dal verde all’arancione. In alcune circostanze possono addirittura esplodere, dando vita a lampi di luce spettacolari (denominati flare) e/o cambiare colorazione, originando uno spettacolo memorabile per i fortunati osservatori. Questi fenomeni infatti non possono essere previsti, ed essendo imprevedibili hanno spesso osservatori del tutto occasionali. Ci sono inoltre circostanze molto rare dove i bolidi producono anche un boato dovuto all’esplosione, simile ad un tuono lontano.

Immagine d’archivio

Meteore poco luminose possono essere osservate in qualsiasi notte dell’anno, a patto di essere in luoghi bui e lontani da inquinamento luminoso. La scia si rende visibile in quanto l’attrito con le molecole dell’aria li riscalda sino all’incandescenza, generando luce. Bruciano generalmente ad una quota di 80 Km nella nostra Ionosfera e quando assumono una luminosità molto elevata si definiscono “bolidi”, un termine utilizzato comunemente dagli appassionati ma non accettato dalla comunità scientifica, la quale non classifica questi oggetti a seconda della loro luminosità. Non tutte le meteore sono associate a veri e propri sciami, ed in questo caso si parla di meteore sporadiche, granelli di polvere casuale che orbitano nel sistema solare intorno al Sole, e che in modo imprevedibile possono finire sul cammino del nostro pianeta. Eppure, gran parte dei meteoroidi che raggiungono il suolo, e che quindi prendono la denominazione di meteoriti, appartengono proprio a questa categoria. Probabilmente questo accade in quanto questi frammenti appartenevano ad asteroidi ormai disgregati, mentre gli sciami rappresentano i resti di antiche comete periodiche che viaggiano lungo il nostro Sistema Solare. Siamo di fronte ad un evento sempre più frequente o è frutto della normalità? Senza ombra di dubbio il fenomeno delle meteore ha affascinato gli osservatori del cielo sin dalla notte dei tempi; ogni giorno l’atmosfera della Terra riceve milgiaia di corpi rocciosi, delle dimensioni di granelli di sabbia e rocce un pò più grandi, che vengono attratte dall’attrazione gravitazionale terrestre. Affinchè si possa tracciare un quadro più completo, è necessario fornire alcune indicazioni di base, come la data precisa e l’ora, la località e la luminosità dell’evento, la traiettoria, la morfologia, il colore, la durata, la persistenza dell’eventuale scia, eventuali flare o boati uditi. L’osservazione di grandi bolidi andrebbe sempre riferita a centri di raccolta o ai gruppi astrofili più vicini, in modo da fornire elementi preziosi per il loro studio.

fonti internet, cortesia meteoweb.eu




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

<< Precedenti 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 Prossime >>

Content Management Powered by CuteNews
LINGUAGGI
English French German Spanish Portuguese Japan Russia Nederlands Chinese Arabic Korean


UFOWEB2012

SONDAGGI
Partecipa al Sondaggio!
Gli UFO sono?
Risultati


Il miglior programma sugli UFO?
VOYAGER
MISTERO
ATLANTIDE
YOUTUBE
  
pollcode.com free polls
Origine del mistero di Ummo?
extraterrestre
terrestre
agenti sconosciuti
non saprei
  
pollcode.com free polls


CHE SUCCEDE NEL 2012?
CATASTROFI NATURALI
APOCALISSE
INTERVENTO ALIENO
NON SUCCEDE NULLA
  
pollcode.com free polls

LINKS


2011 UFOWEB2012. Powered by UMMO
All Right Reserved.
Related logos, characters and names are trademarks of respective Developments