UFOWEB2012

UFOWEB2012
» Home
» Forum
» Blog
» Video
» Immagini
» Contact
CONTENUTI
LINKS
» Banners/Affiliazioni
» Siti Amici


















   
News
Cerca





    

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

 




Segnala ad un Amico!
Tuo Nome

Tua Email

Nome Amico

Email Amico


Leggi e/o Firma il nostro Guestbook!

Partecipa al nostro Forum


 











 






 










Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

Tool per traduzioni di pagine web
  
  




           
PER TRADURRE GLI
ARTICOLI IN SPAGNO-
LO SELEZIONA ITALIAN
NEL RIQUADRO SOTTO.
 






 



 










Large Visitor Globe









TRADUCI GLI   ARTICOLI IN
SPAGNOLO NEL RIQUADRO
SOPRA IMPOSTANDO SU
ITALIAN. VALE PER ALTRE LINGUE.

AVVISO AGLI UTENTI:
SITO INTERNAZIONALE
MULTILINGUE. ARTICOLI
E NOTIZIE SONO  NELLE
LINGUE ORIGINALI STRA-
NIERE. PER MOTIVI DI TEM-   PO E LOGISTICI, NON
SI FANNO TRADUZIONI
SE NON IN CASI PARTICO-
LARI.. USARE I TRADUTT O-
RI  NEL SITO E PIENAMEN-
TE ACCESSIBILI.
 
By intopic.it

NEWS UFO E ARGOMENTI
AFFINI.. CLICCA SUL LINK
SOPRA PER ACCEDERE.









AREA BANNER
BENVENUTO SU UFOWEB2012
Questo è il sito del Circolo ## specializzato in UFO..... In questo sito troverai informazioni, news, immagini e video sugli UFO.


NEWS televideo rai.
21 Jun 2013 01:46 pm
 1/3 
     Rai          SISMA TRA TOSCANA E   
 EMILIA. TREMA IL NORD 

 Una doppia forte scossa di terremoto si
 è avvertita in Emilia alle 12,30. La   
 magnitudo è di 5.2 della scala Ricther.
 L'epicentro è stato a Fivizzano, in    
 provincia di Massa Carrara, al confine 
 fra Toscana e Emilia.                  

 Lo sciame si è sentito in tutto il Nord
 Italia.A Milano,Torino,Genova e Firenze
 la gente è scesa in strada allarmata.  

 La Protezione civile della provincia di
 Massa Carrara segnala crolli in Luni-  
 giana, Fivizzano e Casole. Una persona 
 è rimasta ferita in località Postella. 
 Sospesa la linea ferroviaria della     
 Garfagnana tra Borgo Val di Taro e Pon-
 tremoli.    
2/3 Rai SCOSSA DI 3.1 IN LUNIGIANA,NESSUN DANNO Una nuova scossa di terremoto si è ve- rificata in Lunigiana, dopo la prima di magnitudo 5.2. Questa seconda è stata più leggera con una magnitudo di 3.1 con profondità a 9.7 Km e con epicentro a Casola in Luigiana, provincia di Massa Carrara. Vigili del Fuoco e Protezione civile stanno eseguendo verifiche in tutta l'area interessata dal sisma.
3/3 Rai SISMA,TOSCANA:NUOVA REPLICA DI 4.0 Una nuova replica alla scossa di ter- remoto di magnitudo 5.2 è stata regi- strata poco fa in Toscana fra le pro- vince di Lucca e Massa. Gli strumenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno veri- ficato una magnitudo di 4.0. Si tratta della replica più forte regi- strata finora.



Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

LA GALASSIA DI ANDROMEDA...
19 Jun 2013 12:04 pm

La Galassia di Andromeda è ricca di buchi neri

La Galassia di Andromeda (M31 da catalogo di Messier) è ricca di buchi neri, in una quantità che prima d’ora non era stata individuata. I dati del Chandra X-ray Observatory della NASA sono stati raccolti nel corso di 13 anni di osservazioni. Gli scienziati dello Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge hanno individuato 26 probabili buchi neri, il numero più grande mai trovato in una galassia che non fosse la Via Lattea. Andromeda è la galassia più vicina alla Via Lattea e le due entreranno in collisione fra miliardi di anni. I ricercatori hanno utilizzato una nuova tecnica che si basa sulle informazioni relative alla luminosità e alla variabilità delle sorgenti di raggi X perchè i sistemi stellari cambiano molto più rapidamente dei buchi neri supermassicci, e identificando queste differenze è possibile distinguere queste strutture celesti.

fonti internet, cortesia meteowebeu





Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

Eliminare tutte le monete del mondo!
19 Jun 2013 07:34 am
CITAZIONI:

"ELIMINARE TUTTE LE MONETE DEL MONDO!"

 E''   POSSIBILE ELIMINARE TUTTE LE MONETE DEL PIANETA E REGOLARE DI DARE IL NECESSARIO E ANCHE IL SUPERFLUO A TUTTI CREANDO UNA RETE DI COMPUTER GLOBALI CHE REGOLANO QUESTO PROCESSO. QUESTO E' IL SISTEMA CHE USANO GLI ALIENI CHE NON SAPPIAMO (GLI UMMITI).. E NON HANNO NESSUNA MONETA. CON QUESTO SISTEMA GIUSTO, VIVONO BENISSIMO E IN PACE DA MILLENNI. IN PRATICA E' UNA SPECIE DI SOCIETA' SOCIALISTA DOVE VIGE IL PRINCIPO DEL TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI! L'EGOISMO PERSONALE E' STATO DA LORO ANNULLATO CON UN PROCESSO EVOLUTIVO.. PER CAMBIARE, E' NECESSARIO UNA NUOVA EVOLUZIONE
DI TUTTA LA RAZZA UMANA. QUESTO TEMPO DEVE VENIRE!
  (Citazione del  CRIU& MUEP)



Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

UN ENORME BOLIDE...
18 Jun 2013 03:07 pm
martedì 18 giugno 2013
Un enorme bolide infuocato solca i cieli dell'Italia

Un enorme bolide infuocato ha attraversato i cieli dell’Italia il 17 giugno 2013. il fenomeno è stato visibilissimo ed ha lasciato una lunga scia di colorazione rossa e arancione. Questi bolidi possono assumere varie colorazioni: dal bianco al rosso, dal verde all’arancione passando, appunto, per il giallo. In alcune circostanze possono addirittura esplodere, dando vita a lampi di luce spettacolari (denominati flare) e/o cambiare colorazione, originando uno spettacolo memorabile per i fortunati osservatori.Ha solcato l’Italia dalla Basilicata al Lazio.
Una lunga brillante scia che ha illuminato il cielo notturno. Una palla di fuoco osservata da molti.  Bruciano generalmente ad una quota di 80 Km nella nostra Ionosfera e quando assumono una luminosità molto elevata si definiscono “bolidi”, un termine utilizzato comunemente dagli appassionati ma non accettato dalla comunità scientifica, la quale non classifica questi oggetti a seconda della loro luminosità. Dopo essersi spaccato in due, la luce è andata via via diminuendo, fino a scomparire del tutto”.
«Le meteoriti sono dell’ordine di qualche millimetro, polvere, granelli -spiega il planetologo Inaf Alberto Cellino dell’Osservatorio astrofisico di Torino-, mentre i bolidi possono avere una massa tra i 10 e i 100 chilogrammi e non sono poi un fenomeno così raro».Capita spesso che la non conoscenza di fenomeni celesti spinga molti a ritenere che dietro il passaggio di una semplice meteora ci sia qualche cosa di sopranaturale.
Ma quali sono le cause che molto probabilmente hanno causato questo fenomeno? L’evento astronomico non è assolutamente raro, anzi: si tratta di un meteorite entrato a contatto con l’atmosfera e, con ogni probabilità, si è dissolto in migliaia di piccoli detriti una volta che sono avvenuti gli avvistamenti.Madesimo. La scia rossa risale a poche notti fa. Molti i testimoni.
http://sonoconte.over-blog.it/article-il-bolide-sopra-l-italia-del-17-giugno-2013-118558424.html
 
fonti internet, cortesia terrarealtimeblogsppot.it

NOTA DI COMMENTO. forse non sara' una cosa sopranaturale, ma
di questi tempi di meteore e bolidi ne' stanno arrivando troppi!!!
Ma i Maya avevano ragione...sempre!!! Ufoweb2012




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

UN UFO DI UMMO IN MESSICO?!
16 Jun 2013 08:06 am
UN UFO DI UMMO IN MESSICO?!

 IN MESSICO, UN NUOVO AVVISTAMENTO DI UFO NELLA CITTA' DI TAXCO!

 

Le immagini che vi presentiamo sono state pubblicate dall’amico e skywatcher Hector Garcia sul suo profilo di facebook. Hector ha documentato con una serie di fotografie, altro eccezionale avvistamento di un disco volante sulla cittadina messicana di Taxco, ormai diventata famosa per i moltissimi avvistamenti UFO. Il fatto è accaduto ieri sera alle 19.00 quando Hector si è accorto della presenza di un oggetto discoidale di colore grigio scuro, che volava indisturbato sulla città. Quindi, come solito fare, Hector sempre pronto con la sua videocamera professionale, è riuscito a documentare l’avvistamento. Guardate le fotografie!!

 


ufo taxco141 Jun. 15 17.29

ufo taxco138 Jun. 15 17.29

ufo taxco139 Jun. 15 17.29

ufo taxco140 Jun. 15 17.29

 fonti internet,cortesia speciale Segnidalcielo.it

NOTA DI COMMENTO: l'Ufo ripreso in Messico, sembra proprio avere la classica sagoma degli ufo ummiti a doppia scodella e sono ben diversi da altri ufo.
Se cosi' e', allora, questi ufo sono sempre sulla terra! Ufoweb2012




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

PIANETA UMMO
11 Jun 2013 09:07 am

GLI UMMITI

Il loro pianeta


NOTE PRELIMINARI:

Nelle intenzioni dell’autore questo documento vuole essere una guida per aiutare a comprendere gli aspetti principali della ipotetica civiltà ummita, guida che si rende necessaria a causa della intrinseca difficoltà di lettura delle lettere ummite, che sono le principali testimonianze della ipotetica presenza di tale altrettanto ipotetica civilità sul nostro pianeta.
Oltre a quelle da me tradotte, le lettere a cui faccio riferimento si trovano nel sito www.ummo-sciences.org, in francese, ed il sito www.ummo-ciencias.org, in spagnolo, siti di riferimento per tutto quanto attiene alla questione ummita Il contenuto di questo documento deriva direttamente da quanto citato in tali lettere; ogni eventuale supposizione, deduzione o simile è esplicitamente indicata.
Nel documento mi esprimo all'indicativo presente come normalmente si usa per gli argomenti la cui veracità non è in discussione; questo NON perchè sostengo la reale esistenza di questo ipotetico popolo, ma solo per semplicità espositiva.


1) Caratteristiche generali


Il pianeta su cui vivono gli Ummiti si chiama appunto UMMO (che gli autori delle lettere scrivono di solito in tutte maiuscole).

Le caratteristiche generali del Pianeta non sono molto diverse da quelle della Terra, ovvero:

- Distanza dalla Terra: 14,437 anni luce al gennaio del 1955
- Raggio equatoriale: 7.2511,61 chilometri (Terra: 6.288,137)
- Massa: 9,36 .10^24 chilogrammi massa (Terra: 5,9742 × 102^4 kg )
- Inclinazione: 18º 39' 56,3” (rispetto all’eclittica) (Terra: 23,439 281°)
- Durata del giorno: circa 30,03 ore (Terra: 23,934 ore)
- Accelerazione di gravità: 11,88 metri/secondo2 (Terra: 9,7801 m/s² )
- Durata dell’anno di UMMO: 232 giorni terresti (Terra: 365 giorni)

In breve, UMMO è un po’ più grosso della Terra, ha il giorno un po’ più lungo e l’anno un po’ più breve.


2) Caratteristiche astronomiche


UMMO ruota con orbita quasi circolare attorno ad una stella di tipo spettrale M denominata IUMMA, distante circa 14 anni luce dalla nostra Terra e sita nella costellazione della Vergine.
Il pianeta non ha satelliti naturali importanti quali la nostra Luna.
L’inclinazione dell’asse del pianeta rispetto al piano dell’orbita è leggermente minore della Terra, quindi le stagioni sono un po’ meno marcate.
Il “sistema solare” di Ummo è costituito da due pianeti in totale, di cui il secondo è un gigante gassoso sul genere di Giove.
Visto dalla Terra, Ummo si trova nella costellazione della Vergine, alle seguenti coordinate astronomiche:
- Ascensione retta: 12 h 31 minuti 14 secondi
- Declinazione: +9° 18’ 7”
Magnitudine assoluta: 14,3


3) Geografia


Il pianeta UMMO come la Terra possiede una grande quantità di acqua; le terre emerse, che coprono il 38,16 % della superficie del pianeta, sono quasi totalmente formate da un unico grande continente con grandi laghi al suo interno ed una superficie insulare molto ridotta (la mappa del pianeta si trova nel documento D41-1).
L’oceano, che copre il restante 61,84 % della superficie del pianeta, presenta acque salate a differenti concentrazioni per effetto della presenza di vari tipi di cloruri.


4) Geologia

UMMO è un pianeta più antico della Terra che, per effetto della lunga erosione presenta oggi scarsissimi rilievi montuosi.
I geologi ummiti dividono convenzionalmente il pianeta in 6 strati interni, che contengono diversi materiali in differenti proporzioni; in linea di massima si può dire che la porzione superficiale del pianeta è ricca in ossidi di titanio, silicati di ferro e diversi composti a base di alluminio e magnesio.
Un minerale molto comune, a differenza della Terra, è il titanio, che viene in particolar modo usato per le memorie dei computer ummiti.
Non esiste un vulcanismo come lo conosciamo noi, si ha solo la presenza di vasti crepacci dai quali fuoriesce una miscela di gas (principalmente metano, pentano ed ossigeno) che al contatto con l’atmosfera si infiamma, creando grandi colonne fiammeggianti che arrivano ad essere alte in certi casi anche qualche centinaio di metri.


5) Meteorologia

UMMO è dotato di un’atmosfera i cui componenti principali sono:
- Azoto: 65.93%
- Ossigeno: 23.00%
- Anidride Carbonica: 1.80%
- Neon: 0.316%
- Xeno: 0.20%

Il clima di UMMO è in generale un po’ più freddo rispetto alla Terra, con notti che rimangono fredde anche nei periodi estivi.
Il clima presenta caratteristiche di maggior estremizzazione rispetto al nostro, in particolar modo con fortissime tempeste in grado di staccare pezzetti di roccia.
Anche altri parametri, quali la pressione atmosferica, possono subire variazioni più estese e brusche rispetto a quanto avviene sulla Terra.
Anche se non è una questione meteorologica, le notti ummite sono spesso caratterizzate da fenomeni simili alle nostre aurore boreali, e questo anche a latitudini prossime all’equatore, a causa della forte attività del sole di UMMO, l’astro denominato IUMMA.


6) Altro

Il panorama generale del pianeta è abbastanza diverso dal nostro per vari motivi:
- la mancanza di strade: gli Ummiti si spostano sui tragitti brevi come lunghi utilizzando mezzi volanti.
- la mancanza di rilievi importanti; non essendovi grandi montagne come quelle terrestri, l’aspetto del pianeta è molto più piatto e non presenta corsi d’acqua importanti.
- le abitazioni a forma di fungo, che possono elevarsi o restare interrate nel sottosuolo, danno alle città un aspetto molto diverso da quelle terrestri.
- a causa del forte magnetismo che protegge in modo più efficace dalle radiazioni cosmiche, il pianeta non presenta la grande ricchezza di forme di vita presenti sulla Terra. Il campo magnetico di UMMO infatti è molto più forte di quello terrestre e presenta anche ampie e rilevanti variazioni.


--------------------------------------------------------------

PaoloG - 27/01/2013

fonti internet, cortesia speciale il sito do paoloG




Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

GLI UMMITI, COME SONO:
10 Jun 2013 04:24 pm
GLI UMMITI, COME SONO:

GLI UMMITI

Caratteristiche fisiche


NOTE PRELIMINARI:

Nelle intenzioni dell’autore questo documento vuole essere una guida per aiutare a comprendere gli aspetti principali della ipotetica civiltà ummita, guida che si rende necessaria a causa della intrinseca difficoltà di lettura delle lettere ummite, che sono le principali testimonianze della ipotetica presenza di tale altrettanto ipotetica civilità sul nostro pianeta.
Oltre a quelle da me tradotte, le lettere a cui faccio riferimento si trovano nel sito www.ummo-sciences.org, in francese, ed il sito www.ummo-ciencias.org, in spagnolo, siti di riferimento per tutto quanto attiene alla questione ummita Il contenuto di questo documento deriva direttamente da quanto citato in tali lettere; ogni eventuale supposizione, deduzione o simile è esplicitamente indicata.
Nel documento mi esprimo all'indicativo presente come normalmente si usa per gli argomenti la cui veracità non è in discussione; questo NON perchè sostengo la reale esistenza di questo ipotetico popolo, ma solo per semplicità espositiva.


1) Caratteristiche fisiche osservabili

La costituzione fisica generale degli Ummiti è estremamente simile alla nostra, ad un punto tale che passerebbero inosservati a qualsiasi esame esterno non accurato.
Questo è il fattore che ha loro permesso di rimanere sul nostro pianeta per vari decenni, mescolandosi clandestinamente al genere umano terrestre.
Il loro aspetto è simile agli esseri umani terrestri del ceppo scandinavo, piuttosto alti e biondicci, e per questo motivo affermano di essersi spesso fatti passare con successo per cittadini di quella zona del mondo (Scandinavia).
Le uniche differenze esterne riscontrabili ad un esame accurato sono delle zone dell’epidermide dove predomina una colorazione giallastra.
Anche se non è specificato, si desume logicamente che tali zone dovrebbero far parte di quelle che non vengono normalmente esposte. Nulla esclude comunque che vi possano anch’essere altre differenze che non sono state divulgate a scopo di misura cautelativa.


2) Caratteristiche fisiche non osservabili

a) Doppio centro cerebrale del linguaggio

Grazie al fatto di avere non uno come noi, ma due centri cerebrali del linguaggio mette gli Ummiti in grado di esprimersi con quello che chiamano “linguaggio bisincrovalente”, ovvero un modo di espressione verbale che consente di esprimere contemporaneamente due flussi informativi distinti. Uno è costituito dal linguaggio “normale” che funge come base, mentre l’altro da ripetizioni matematicamente codificate delle stesse parole del linguaggio base.
I concetti espressi dai due flussi informativi possono anche essere molto diversi. L’utilizzo di tale funzione non è naturale ma viene appresa nel corso della formazione scolastica.

b) Sensibilità olfattiva

Gli Ummiti presentano una elevatissima sensibilità agli stimoli olfattivi, tanto che una delle loro forme artistiche è proprio la “arte di aromatizzare” che viene espressa tanto in ambito familiare con il classico bagno aromatizzato della mattina che in ambiente pubblico con una sorta di “concerti sinfonici per aromi”. L’arte di aromatizzare gli odori è da sempre incontrastato dominio femminile.

c) Polpastrelli fotosensibili

I polpastrelli delle dita degli Ummiti presentano delle terminazioni nervose sensibili agli stimoli luminosi (anche se con una risoluzione di molto inferiore di quella fornita degli occhi). Tale funzione rischia di essere compromessa da azioni per noi innocue, quali digitare su una tastiera, premere pulsanti o tirare con forza un pomello usando le estremità delle dita.
Questo è il motivo per il quale gli Ummiti hanno utilizzato un dattilografo che battesse per loro conto le lettere dattilografate (è il caso di ricordare che almeno le lettere spagnole dei primi anni sono state scritte a macchina con macchine Olivetti di tipo meccanico).
Tale facoltà consente agli Ummiti una fonte di stimolo sessuale a noi sconosciuto, e non a caso i loro preliminari erotici hanno sempre inizio con l’esplorazione del corpo del partner con le mani.

d) Sensibilità cinestetica

Gli Ummiti presentano un’elevata sensibilità cinestetica (ovvero ai movimenti passivi del corpo). Tale peculiarità assume anche aspetti curiosi, come nel caso delle forti accelerazioni e soprattutto decelerazioni in senso verticale (tipicamente ciò che succede all’arrivo al piano di un ascensore molto veloce), che provocano in loro forti sensazioni del tutto simili al piacere sessuale che affermano di riuscire a controllare con molta fatica.
Questo è anche il motivo per il quale amano molto il dolce dondolio dei loro letti fluttuanti, che produce in loro sensazioni molto più intense che a noi.
Per contro, il fatto di fluttuare in assenza di gravità produce in loro effetti alienanti; i loro veicoli spaziali sono per questo dotati di un abitacolo di forma toroidale (come una ciambella) che ruota costantemente sul suo asse verticale allo scopo di produrre una gravità artificiale.

e) Forza fisica

Grazie ad un rendimento muscolare più elevato del nostro, gli Ummiti presentano una forza fisica notevolmente maggiore della nostra. Suppongo che questo potrebbe essere dovuto al fatto che il pianeta Ummo presenta un’accelerazione di gravità maggiore della Terra (11,88 m/s2 contro i nostri 9,8), essendo un po’ più grande della Terra.

f) Atrofia della glottide

Nella maggior parte degli Ummiti, la glottide si atrofizza al momento della pubertà (nel momento in cui gli esseri umani terrestri, soprattutto maschi, “cambiano voce”) subendo un processo di sclerosi che li rende rapidamente incapaci a parlare.
Il problema è oggi risolto in modo tecnologico mediante l’applicazione di una minuscola protesi acustica in grado di amplificare i debolissimi suoni che la glottide degenerata riesce ancora ad emettere (e che consente anche loro di emettere segnali acustici ultrasonici codificati per il comando di numerosi dispositivi di uso quotidiano).
Nonostante che il loro dispositivo amplificatore abbia una risposta in frequenza perfettamente piatta, il risultato è simile a quello degli esseri umani portatori di “apparecchietto” per parlare, ovvero una voce metallica e monotòna, dato che queste sono le caratteristiche del suono che le loro corde vocali degradate riescono ancora a produrre, e la protesi la può amplificare al meglio, ma certo non migliorare.

g) Imene

Le donne ummite non possiedono l’imene.

--------------------------------------------------------------

PaoloG - 25/01/2013

fonti internet,cortesia speciale il sito di paoloG






Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

PROXIMA CENTAURI
10 Jun 2013 12:40 pm
Caccia ai pianeti di Proxima Centauri, la stella a noi più vicina

proxima-centauri-01.jpgHubble ci riprova con Proxima Centauri. La stella in assoluto più vicina alla Terra dopo il Sole potrebbe avere uno o più pianeti in orbita attorno ad essa, ma finora le sue ricerche non hanno dato risultati definitivi.

Nel 1998 le osservazioni condotte con lo spettrografo del telescopio spaziale avevano alimentato le speranze che qualcosa ci fosse veramente, ma successive indagini, questa volta con la Wide Field Planetary Camera 2, smorzarono definitivamente gli entusiasmi, non riuscendo a individuare alcunché attorno a Proxima.


Una doccia fredda che però non ha scoraggiato i membri dello Space Science Telescope Institue di Baltimora, dove viene gestito Hubble: l’astronomo Kailash Sahu ha infatti annunciato al 222° congresso dell’American Astronomical Society in corso a Indianapolis che guiderà un team di ricercatori di nuovo alla carica per scovare l’oscuro – o gli oscuri – pianeti di Proxima. Ma questa volta con una tecnica completamente diversa: utilizzando cioè il fenomeno del del microlensing gravitazionale.



Il microlensing è un effetto dovuto alla curvatura dei raggi di luce che si propaga in prossimità di grandi concentrazioni di massa  e si verifica quando una stella si trova a transitare davanti o molto vicina a un’altra stella molto più distante.
L’immagine della stella sullo sfondo può essere distorta, amplificata o addirittura moltiplicata a seconda del tipo di allineamento tra essa e la stella in transito. Questi fenomeni, che possono durare da qualche ora a qualche giorno, permetteranno agli astronomi di misurare con grande precisione la massa di Proxima Centauri, un valore cruciale per determinarne di conseguenza la sua temperatura superficiale, il diametro, la luminosità intrinseca e la sua età.
Per fare questo verranno analizzate le immagini delle stelle ‘di sfondo’ riprese da Hubble per misurare quanto queste risultino spostate rispetto alla loro vera posizione nel cielo. Questi spostamenti apparenti sono dovuti al campo gravitazionale esercitato da Proxima.
proxima-centauri-02.jpg
E se attorno ad essa dovesse esserci qualche pianeta, la sua presenza dovrebbe essere notata nelle immagini come un secondo piccolo spostamento delle stelle di sfondo.
Due sono le prime date in cui potrà essere sfruttata questa tecnica: a ottobre del 2014 e nel febbraio del 2016. L’attesa degli astronomi è grande poiché Proxima Centauri appartiene alla categoria delle stelle nane rosse, che possiedono masse piuttosto piccole se paragonate alle altre.
Poiché le stelle di piccola massa possiedono tendenzialmente pianeti di taglia mediamente minore rispetto alle altre, le nane rosse sono i luoghi ideali dove andare a caccia di pianeti di tipo terrestre. E chissà che questa sia proprio la volta buona che Hubble riesca a scovarli proprio lì, attorno a Proxima Centauri. Appena a 4 anni luce da noi. [media.inaf.it]
 
 fonti internet, cortesia terrarealtime.blogsppot.com


Da Amministratore - Commenta News (0) Discuti sul Forum

VITA SU GIOVE?!
08 Jun 2013 07:37 pm



LA NASA DICE CHE GIOVE PUO' AVERE VITA!


La NASA dice che su  Giove potrebbe albergare vita quando di fatto mirava a Marte come il prossimo pianeta possibilmente abitabile. L'Agenzia Statale Europea studia le lune di Giove alla ricerca di organismi vivi e segni di vita. Andrew Coates, dell'University College di Londra, uno degli scienziati principali del progetto assicura che si ha bisogno di una fonte di energia che necessita acqua liquida, carbonio, azoti, ossigeno, fosforo e zolfo affinché la vita si sviluppi". E è che avere acqua liquida faciliterebbe enormemente lo sviluppo della vita. Gli scienziati credono che una delle lune di Giove, potrebbe avere suolo roccioso, quello che significa che potrebbe avere fonti termali. Questi 'camini sottomarini' sono prosperi posti affinché si sviluppi la vita di piante ed animali. Dall'Istituto di Tecnologia della California ed attraverso potenti telescopi hanno confermato perossido di carbonio attorno ad una delle lune. Questa sostanza aiuta a proporzionare l'energia chimica necessaria per la vita nell'oceano. Inoltre, ed a differenza di Marte, potrebbe avere sufficiente energia affinché si sviluppino organismi pluricelulares più grandi, invece di solo microbi. In un'altra delle lune di Giove, in Ganimede, esiste un campo magnetico che protegge dalla radiazione e può aiutare anche allo sviluppo della vita. Se risulta che c'è vita isu  quei  mondi strani delle lune di Giove esiste una buona probabilità che la vita sia molto estesa nell'universo. Particolarmente penso che questa notizia della Nasa sembra una mancanza di rispetto all'intelletto del resto dei mortali. Non è solo logico che esista vita in altri pianeti, non solo microbi, ma ci sono moltissimi casi di contattati che hanno dichiarato che esistono colonie in Marte e nella luna di Ganimede di altre civiltà umane. Non vivono nella superficie del pianeta bensì nel suo interno. D'altra parte volesse mirare che il sistema di vivere bassa terra potrebbe essere molto esteso in tutto l'universo.